About Mariagrazia Fiorentino

This author has not yet filled in any details.
So far Mariagrazia Fiorentino has created 42 blog entries.

“Tempi d’acciaio. Dal potenziale al crossover” – Mostra personale di Fabrizio Spadini a Palazzo Merulana – Roma – fino al 5 marzo 2023

Mariagrazia Fiorentino – Foto Donatello Urbani

L’incontro tra l’arte e le persone genera il bene più prezioso: le emozioni. Le generazioni dagli anni 70/80 del secolo scorso, fino alle attuali generazioni Z, hanno vissuto la loro adolescenza prima e gioventù, dopo, con il mito dei robot dal cuore d’acciaio, sentinelle della pace, difensori del bene e combattenti del male messi in onda da varie reti televisive e continuate negli anni successivi in fortunate rassegne quali Lucca Comics e Romics. Chi non ricorda Mazinga oppure Jegg Robot d’Acciaio e le tartarughe Ningia? La loro fama grazie anche alle pubblicazioni “manga” si perpetua nell’infinito con un’impronta indelebile da sembrare quasi senza tempo.

dav

                                                                                 Fabrizio Spadini – “Palcoscenico” – 2019 – Olio su tela – cm.40X30

Anche Fabrizio Spadini, classe 1975, segue la regola generale e dopo una carriera come illustratore freelance per agenzie di pubblicità e case editrici, collaboratore come concept artist con aziende che operano nel settore dell’animazione e dei videogames, nel 2009 si trasferisce in Toscana con la famiglia dedicandosi alla pittura, i cui canoni aveva appreso nelle aule di istituti e accademie d’arte.

dav

                                                                               Fabrizio Spadini – “Di padre in figlio” – 2020 – Olio su tela – cm,.50X6

“Nel 2016 c’è stata la svolta con una performance al Lucca Comics — racconta l’artista – —. Ho lasciato via via la grafica digitale e a prendere cavalletto e colori, mettendo i robot in rivisitazioni di chiaro stampo ottocentesco. Non una mostra per nostalgici, ma una evocazione, un sogno di continui rimandi. Goldrake, Dart Fener, Jeeg Robot d’Acciaio, Mazinga rappresentano l’evoluzione che si umanizza”.

dav

                                                                      Fabrizio Spadini – “La strada di Tetzuya” – 2017 – Olio su tavole – cm.51X37

Significativa in proposito la presentazione rilasciata dalla curatrice Valeria Rufini Ferranti che parla delle icone pop nelle opere di Spadini come “[…] mute sentinelle poste a guardia di un ordine cosmico che è sempre sul punto di disfarsi. Ed è proprio sulla cresta sottile di questo imminente disfacimento che si regge l’armonia di ciascun’opera […]” ed ancora “[…] questa consapevole alterazione si nutre della tensione tra reale e immaginario […] attraversando serie di universi distopici con la medesima straniante naturalezza con cui le icone della cultura mediatica pop sono accostate ai pilastri della Storia dell’Arte: Spadini parte infatti dai Macchiaioli Toscani fino alle Avanguardie del ‘900 con Giacomo Balla, Mario Sironi e Giorgio De Chirico fra tutti, con una connessione emozionante e profonda con i grandi Maestri che costituiscono la collezione Cerasi in mostra permanente museale a Palazzo Merulana”.

dav

                                                                     Fabrizio Spadini – “Classe iA” – 2023 -. Tecnica mista su tela – cm.80X120

Una rassegna questa che spazia dall’arte post-bellica al contemporaneo attraverso un percorso artistico che collega fra loro tutte le varie opere esposte in un fantastico quanto immaginario fil rouge: i tempi d’acciaio.

Roma – Palazzo Merulana – Via Merulana, 121 – fino al 5 marzo 2023 dal mercoledi alla domenica dalle ore 12 alle 20- Maggiori informazioni e costi biglietto d’ingresso consultare il sito www.palazzomerulana.roma.it

Gallerie Nazionali di Arte Antica – Palazzo Barberini – Roma. In mostra fino al 10 opere di: “Orazio Gentileschi e l’immagine di San Francesco. La nascita del caravaggismo a Roma”.

Testo e foto di Donatello Urbani

L’esposizione di questo inedito dipinto di Gentileschi si deve all’intuito e alla professionalità dei curatori di questa mostra Giuseppe Porzio, professore di storia dell’arte moderna presso l’Università di Napoli L’Orientale, e Yuri Primarosa, docente a contratto di storia dell’arte moderna presso la Sapienza Università di Roma. Infatti il dipinto in pessime condizioni di conservazione e di dubbia attribuzione, era pronto per lasciare il territorio nazionale e solo la perizia  dei due storici dell’arte ha fermato il trasferimento riconoscendolo come opera di Orazio Gentileschi e dopo scrupolosi e attenti lavori di restauro grazie al supporto della Galleria Benappi Fine Art, che ha provveduto anche al restauro della tela, eseguito da Stefano Scarpelli sotto la supervisione delle Gallerie Nazionali, è oggi ritornato nel patrimonio artistico/culturale nazionale e alla pubblica fruibilità.

dig

 

Nel corso della c0nferenza stampa di presentazione dell’opera: “San Francesco in estasi”, è emerso che questa costituisce, con ogni evidenza, una rara e rilevante testimonianza del momento in cui Orazio Gentileschi si avvicinò alle novità poetiche e stilistiche elaborate da Michelangelo Merisi da Caravaggio. Fu infatti eseguito dal naturale e con il modello in posa: un metodo di lavoro che Orazio doveva aver appreso già attorno al 1599-1600 direttamente da Caravaggio. Con ogni probabilità il quadro fu dipinto negli stessi anni del celebre processo che Giovanni Baglione aveva intentato contro Caravaggio, Onorio Longhi, Filippo Trisegni e lo stesso Gentileschi; nel corso del processo, e per la precisione nel settembre del 1603, Gentileschi aveva dichiarato di aver prestato a Caravaggio «una veste da cappuccino» e un «par d’ale». Si tratta plausibilmente dello stesso saio, contraddistinto da un peculiare copricapo a punta, che Orazio ritrasse nell’opera qui presentata.

dav                                                                 Orazi0 Gentileschi: “San Francesco confortato da un angelo”  – 1610/1612 – Olio su tela 

L’inedito dipinto di Gentileschi è messo a confronto con tre importanti opere conservate a Palazzo Barberini e con un quadro proveniente dal museo del Prado: il San Francesco in meditazione attribuito a Caravaggio, il San Francesco sorretto da un angelo dello stesso Gentileschi, il San Francesco in preghiera del Cigoli e il San Francesco sorretto da un angelo di Madrid, altro capolavoro della fase giovanile di Gentileschi.

dav

                                                                        Caravaggio – Attribuzione: “San Francesco in meditazione” – 1606 – Olio su tela

L’inedito San Francesco, fortemente sperimentale nella resa di un naturalismo vivido ed espressivo, sarà inoltre presentato accanto ad alcuni oggetti di grande forza evocativa, come gli atti del processo del 1603 aperti sulla pagina della citata deposizione di Caravaggio, un saio cappuccino coevo e una fotografia di Massimo Listri della cripta dei frati cappuccini di via Veneto a Roma, realizzata per l’occasione.
Nella nuova interpretazione dell’immagine di san Francesco fu infatti fondamentale per gli artisti caravaggeschi la familiarità con alcune pratiche di preghiera molto diffuse al tempo, come le veglie compiute dai cappuccini davanti alle spoglie dei loro confratelli: vivida testimonianza dell’austerità di una regola consacrata all’elevazione dell’anima e al rifiuto delle vanità, celebrata magistralmente da Caravaggio e Gentileschi.
Accompagna la mostra il catalogo edito da Officina Libraria che contiene saggi dei curatori e testi di Keith Christiansen (già direttore del Department of European Paintings al Metropolitan Museum of Art di New York), Alessandro Zuccari e Massimo Moretti (professori di Storia dell’arte moderna, Sapienza Università di Roma), Ilaria Sgarbozza (Soprintendenza Speciale di Roma) e Claudio Sagliocco (dottorando in Storia dell’arte, Sapienza Università di Roma).

Gallerie Nazionali di Arte Antica di Romsa – Palazzo Barberini – Via Delle Quattro Fontane 13 – 00184 – Roma dal 26/01/2023 – al 10/04/2023. Informazioni su orari e costi del biglietto di ingresso e modalità di utilizzo consultare  il sito www.barberinicorsini.org o e.mail: gan-aar.comunicazione@cultura.org.it

Il primo giorno della mia vita – Film di Paolo Genovese, Nelle sale dal 26 gennaio 2023

Donatello Urbani

E’ più difficile vivere o morire?

mde

A questa domanda sono chiamati a dare una risposta quattro persone che hanno scelto di porre volontariamente fine alla vita terrena. Tre adulti ed un ragazzo con l’intervento di una terza persona, (Toni Servillo), hanno, per loro scelta, la possibilità di rivedere e rivivere parte della loro vita e, in sette giorni, confermare o meno la loro vicenda terrena. Vicenda tanto fantasiosa quanto lunga.

mde

Nei 121 minuti messi a loro disposizione, a tutti i vari protagonisti è mancata la volontà di rivolgere uno sguardo nel proprio intimo e fare appello a una qualche forma di spiritualità senza ricorrere alla scorciatoia più semplice di togliersi la vita.

Grande Anima – La balena che accoglie i viaggiatori all’aeroporto di Roma-Fiumicino

Mariagrazia Fiorentino – Foto Donatello Urbani

Quante cose si possono scoprire in questa città? Tutto converge nell’accogliere, come una grande madre, tutti i cittadini provenienti da ogni parte del mondo e sa quindi abbracciare, fra le tante attività, anche l’arte contemporanea.

dav

Il file rouge che ha accompagnato il viaggiatore attraverso le bellezze e la cultura cittadine, gli offre un saluto, un augurio per un arrivederci a presto, con una installazione ospitata al Terminal 1 – partenze – aeroporto di Fiumicino, dal titolo “Grande Anima”, firmata da Marcantonio, giovane artista nato nel 1976, che inizia con una carriera di scenografo/scultore per poi passare all’arte e al design industriale. L’aeroporto è un luogo vissuto dalle persone che lo frequentano e questa opera imponente vuole essere anche un invito per mettere al centro la bellezza e far conoscere al grande pubblico l’arte contemporanea proposta da giovani artisti perché l’arte deve creare emozioni.

sdr

“Sono entusiasta di presentare il mio lavoro per la prima volta in assoluto in un contesto così unico come un aeroporto. Grande Anima ci invita a riflettere sulla condizione dei nostri oceani e ancora più intensamente sulla vita e sulla morte, sul potenziale della cura, dell’attenzione e sulle conseguenze dell’individualismo che alimenta il nostro stile di vita. Ma questa visione ha una componente solida onirica e fiabesca. Voglio creare bellezza, non denuncia, sogno e retorica. In questo gioco indefinito e agrodolce tra rappresentazione drammatica e visione magica, la balena vive e vola illuminata da luci che appartengono al nostro mondo, alla nostra società: noi siamo le luci. Nasce così un gioco infinito di cause ed effetti, di colpe e meriti, in cui siamo noi gli artefici del destino della natura, e quindi di noi stessi”, ha spiegato l’autore di Grande Anima, Marcantonio.

dig

Significativo anche l’intervento dell’A.D.  di Aeroporti di Roma, Marco Troncone: “Con l’installazione di ‘Grande Anima’, Aeroporti di Roma conferma ancora una volta il suo impegno nel sensibilizzare l’opinione pubblica su temi ambientali come il risparmio idrico e il recupero della plastica, prima causa dell’inquinamento dei mari, questa volta attraverso la cultura”. Anche l’intervento dell’On.le Ministro dei Beni Culturali, Gennaro Sangiuliano, si è incentrato sul ruolo che gioca l’Italia sulla cultura nello scacchiere internazionale anche nell’arte contemporanea affermando che: “Le luci che illuminano l’imponente installazione ne costituiscono l’anima ancora accesa, rappresentando allo stesso tempo la nostra società: se l’animale vive, dipende anche da noi. È un invito a riflettere su come la natura sia nelle nostre mani e dipenda dalle nostre cure, ricordandoci quanto la bellezza del mondo sia fragile e strettamente legata al comportamento umano”.

Attraverso lo speciale QR code, in collaborazione con Chora Media, i viaggiatori potranno ascoltare, via podcast, il racconto ‘Grande Anima – La balena di Fiumicino’, sulla storia della balena grigia arrivata nel 2021 al largo di Fiumicino dopo varie tappe, tra cui il Golfo di Napoli e Anzio . La balena è come una “pelle” che si espande dal luogo di origine, si dilata, si fa forma, esce dal supporto e ritorna bidimensionale nell’alternanza fra realtà e fantasia.

Peccato che l’opera rimanga per un breve periodo, fino al 21 febbraio p.v. poi prenderà il volo per un’altra location.

Per conoscere di più questo giovane artista e la sua opera, consultare @marcantonio – #grandeanima

 

La Roma della Repubblica. Il racconto dell’archeologia – In mostra ai Capitolini – Palazzo Caffarelli -il racconto della Roma repubblicana, dagli inizi del V alla metà del I secolo.

Mariagrazia Fiorentino – Foto Donatello Urbani

Guardare la Roma repubblicana in modo nuovo perché solo ritrovando il fascino del passato potremmo aprire gli occhi ed emozionarci e forse, davanti alla storia, capire il presente. Come vivevano i romani nella loro quotidianità nei cinque secoli che hanno preceduto la nascita dell’impero? Un viaggio indietro nel tempo che mostra una città quasi priva di marmo, ma costruita prevalentemente in terracotta, dalle abitazione in laterizio alle stoviglie e gli arredi interni alle case come testimoniano i molti reperti, circa milleottocento e per la maggior parte esposti per la prima volta, presenti in questa rassegna si racconta la vita sociale delle persone anonime che non hanno un nome ne un committente.

3500-2147-max (2)

Il percorso espositivo, articolato in 3 sezioni principali, presenta una ricca selezione di manufatti in bronzo, pietra locale, in rari casi marmo, soprattutto terracotta e ceramica. Elemento di notevole impatto è il colore, restituito come proposta fondata sull’analisi delle terrecotte che un’attenta opera di ricomposizione consente di attribuire ad articolati moduli decorativi. Al materiale pertinente alle collezioni dell’Antiquarium si aggiunge una scelta, rilevante per qualità, di opere conservate alla Centrale Montemartini, tra le quali spiccano l’urna in marmo dall’Esquilino, la piccola scultura di capro in bronzo da via Magenta e i resti di affresco dalla cd. Tomba Arieti. Dal settore museale del Campidoglio proviene infine una selezione di ritratti di età tardo-repubblicana, in parte esposti nelle sale dei Musei Capitolini.

20230112_121135 (2)

La prima sezione, quantitativamente più consistente dell’intero percorso, illustra i resti archeologici che testimoniano le fasi costruttive, le caratteristiche artigianali e il livello artistico degli edifici templari sul Campidoglio e nel Campo Marzio. Grazie a una lunga attività di studio, restituzione grafica, restauro integrativo dei frammenti originali con tecnologie di rilievo 3D, di scultura digitale e stampa 3D, è stato possibile proporre la Triade Capitolina, Giove, Giunone e Minerva, da ricollocare idealmente entro uno spazio frontonale. Si tratta di un altissimo esempio di coroplastica databile all’inizio del I secolo a.C. L’altro aspetto di questa sezione interessa i resti delle domus patrizie del Campidoglio che sono testimoniati da frammenti di pavimenti musivi decorati con schemi geometrici (fasce rettangolari, croci, rombi), realizzati con tessere bianche e nere o con pietre policrome. In ambito romano l’uso del tappeto musivo è molto presente anche nelle case comuni. L’artista il “tessellator” effettuava innanzitutto un disegno preliminare direttamente sull’intonaco ancora fresco; poi iniziava ad inserire le tessere nella pasta ancora morbida, alla fine il tutto veniva accuratamente livellato e si attendeva che asciugasse.

20230112_121922 (2)

Gli aspetti della produzione artigianale – sezione seconda – sono un punto di vista privilegiato per seguire lo sviluppo dei sistemi produttivi. La ceramica offre una chiave di lettura importante dal momento che questo materiale ha lasciato tracce più durevoli rispetto ad altre attività, quali la lavorazione della pietra, dei metalli e del legno che pur avevano un posto fondamentale nella vita della città. L’esposizione racconta le tappe di sviluppo dell’artigianato di qualità che, da forme e tecniche legate alle tradizioni dell’età arcaica si sviluppa nel corso dei secoli IV e III con nuove produzioni, le stoviglie interamente verniciate, sia in rosso sia in nero e il vasellame decorato a figure rosse. La tecnica dello stampo assume un ruolo molto importante nelle produzioni di particolari oggetti, come i votivi anatomici ed è ben individuabile nelle produzioni dei piccoli altari (arule) che hanno particolare fortuna nell’età medio-repubblicana e nelle matrici di terracotta presentate in mostra.

1024-1870 (2)

La terza sezione illustra come attraverso numerosi oggetti e i simboli determinate categorie sociali volevano comunicare l’alto status raggiunto o rimarcarne l’antica appartenenza. L’autocelebrazione dell’aristocrazia e delle famiglie emergenti trova un importante luogo di espressione, durante l’età repubblicana, nei monumenti funerari posti lungo le vie di accesso alla città, da leggere nel più vasto programma di controllo delle istituzioni e della vita politica cittadina. Una rassegna, questa, che s’inserisce, come ricordato nel corso della conferenza stampa di presentazione, in un più vasto programma di lettura dell’intera città di Roma.

Roma – Musei Capitolini – Palazzo Caffarelli – P.za del Campidoglio, n.1. Fino al 24 settembre 2023 tutti i giorni dalle ore 9,30 alle 19,30. Informazioni su costi biglietto d’ingresso e facilitazioni varie: tel. 060608 sito web www.zetema.itwww.museicapitolini.orgwww.museiincomune,it

Il Grande Giorno – Nuovo cine natalizio 2022

Mariagrazia Fiorentino – Foto Donatello Urbani

Opinione diffusa vuole che “Il giorno più bello” sia quello del matrimonio. Se poi a sposarsi sono i figli gioia e bellezza raddoppiano fino all’inverosimile. Questo è quello che dovrebbe accadere ai figli unici di Giovanni e Giacomo, amici dall’infanzia e soci in affari.

dav

Insieme alla madre della sposa arriva però anche il nuovo compagno, Aldo, nelle vesti del guastafeste. Come avviene nella realtà, gli imprevisti della vigilia occupano la scena principale e sono la base di innumerevoli gaffes e incidenti esilaranti ma soprattutto costosissimi, cosa di non poco conto per il parsimonioso Giacomo.

mde

Riusciranno i due giovani rampolli a coronare il loro sogno d’amore? Ciascuno, inclusi i vari protagonisti, realizzerà i propri desideri e questo è anche l’augurio che non troppo velatamente rivolge la pellicola a tutti i suoi spettatori.

Citylab Energy – La politica energetica per le aree urbane

Mariagrazia Fiorentino – foto Donatello Urbani

Il Forum, tenutosi il 6 dicembre 2022 promosso da: Cnr,  Unioncamere, Rete Nazionale delle Agenzie Energetiche,  Cluster Nazionale dell’Energia e GreenHillAdvisory,  e la partecipazione come relatori di Parlamentari, Amministratori Locali, Dirigenti Pubblici, Manager di  Aziende e di Fondi di Investimento, ha avuto per temi di discussione le Strategie ed Esperienze  per la produzione, l’autoconsumo e l’ efficientamento energetico con Focus sulle Comunità Energetiche, che a breve vedranno pubblicato il Decreto Attuativo, con attenzione sui Finanziamenti previsti sulle Politiche Energetiche inseriti nel Pnrr e sugli Investimenti di Privati.

sdr

In considerazione del grande interesse richiamato sulle tematiche trattate nel forum è stato previsto a cura de Il Cluster Nazionale dell’Energia e GreenHillAdvisory la promozione nel primo semestre del 2023 di un Percorso Formativo di 40 ore su “Energy Pro: Professionisti della Transizione Energetica”.

Il ciclo di tre Moduli Formativi finalizzati a creare le professionalità necessarie per operare con successo nel settore energetico, integrano competenze normative, tecniche e finanziarie con un panel di docenti di alto profilo, provenienti da Istituzioni, Aziende e Università.

Saranno affrontati i seguenti temi:

  • La figura professionale dell’Energy Manager (9/17 Marzo);
  • Realizzazione e gestione di una Comunità Energetica (27/28 Aprile);
  • Autorizzazioni, Incentivi e Finanziamenti per nuovi Impianti FER ( 8/9 Giugno)

E’ previsto il rilascio di Attestato di Partecipazione da parte del Cluster Nazionale dell’Energia.

Maggiori notizie ed informazioni sui siti web istituzionali degli organizzatori

 

L’insostenibile prezzo dello spreco – XIV^ Conferenza Nazionale per l’efficienza energetica

Mariagrazia Fiorentino – Foto Donatello Urbani

Dalla conferenza svoltasi a Roma nei giorni 5 e 6 dicembre 2022 e organizzata dall’Associazione Amici della Terra, è emerso che tutta la comunità scientifica è unanime nel rilevare/condannare che la velocità e l’intensità con cui si stanno manifestando i cambiamenti climatici desta grande preoccupazione. Dobbiamo andare proprio a fondo per prendere delle decisioni e dei provvedimenti su questi cambiamenti?

dav

“Diventa sempre più chiaro che non è vero che i combustibili fossili possano essere sostituiti in pochi anni solo da fonti rinnovabili elettriche intermittenti, idrogeno verde, batterie e veicoli elettrici come viene fatto credere da un approccio ambientalista superficiale, che ha condizionato anche l’Unione Europea…… Per conseguire obbiettivi certi di decarbonizzazione in Europa e soprattutto, per promuovere anche nel resto del mondo l’avvio di politiche di riduzione delle emissioni dannose…. occorrono strategie energetiche-ambientali complesse e basate sulla realtà…”

La cementificazione leva il respiro alla terra. Sarebbe utile conferire ai paesi che non dispongono di mezzi economici e tecnologici adeguati, tutte le risorse necessarie per avviare la riconversione eco-sostenibile dei loro sistemi.

Nel corso della conferenza sono stati segnalati due  libri: “Energia verde” edizioni Montaonda di Giovanni Brussato, ingegnere minerario di Amici della Terra e relatore nel convegno, pagine 247 €.20,00.

“Caccia grossa alla CO2″ di Patrizia Feletig pagine 94 €.7,00 edito da F.M.Finanza.

 

Pesce in Piazza – Il mare si trasferisce nella Piazza di San Cosimato (Trastevere) dal 15 al 17 dicembre 2022

Mariagrazia Fiorentino – Foto Donatello Urbani

“Solo le lacrime dei pesci non si vendono e non si usano in cucina”.

sdr

Le finalità di questa iniziativa, come affermato da Massimo Pallottini, Centro Alimentare Romano, è “il miglior pescato dal nostro mare alla tavola”. Motivo di grande attrazione, fra le tante previste dall’articolato quanto intenso programma sarà la rievocazione del “Cottio”: l’asta del pesce che fino agli anni 60 dello scorso secolo, insieme ad un ampio repertorio di lazzi, battute e sarcasmi da sempre patrimonio dei romani, si svolgeva al Portico d’Ottavia nel giorno dell’antivigilia di Natale. Consumi, sostenibilità e filiera ittica saranno i tre temi che s’intrecciano, come una grande rete, durante le tre giornate: 15, 16 e 17 dicembre 2022, di questa seconda manifestazione che quest’anno sarà ospitata in una delle più attraenti piazze della città: Piazza San Cosimato nel cuore di Trastevere, quartiere dove il mangiar bene ha trovato stabile abitazione.

dav

In dettaglio il programma e gli eventi, tutti gratuiti:

Giovedi 15 dicembre 2022:

ore 13,00: degustazione di piatti di pesce della tradizione natalizia: Minestra broccoli e arzilla raccontato dalla chef Anna Maria Palma, direttrice della scuola di cucina Tu Chef;

ore 15,00 – Presentazione del Sistema Laguna: La comunità di pesca di Orbetello e Laguna di Venezia;

ore 15/17 –  laboratori per bambini dai 2 ai 12 anni;

ore 17,00 – evento inaugurale con un forum “Inostri mari meraviglia da difendere” con la partecipazione di personalità del settore ittico, politiche e istituzionali – A seguire la rievocazione storica del “Cottio”, asta del pesce che diviene vera e propria cerimonia natalizia;

ore 19,00 – Show Cooking e Assaggi – Polpette di sgombro e barbabietola con salsa al limone e broccoletti salati a cura di Massimo Riccioli, chef patron de La Rosetta di Roma;

Venerdi 16 dicembre 2022:

Dalle ore 10,00 e fino alla chiusura delle ore 20,00 – programmazione in loop di documentari e interviste per informare, conoscere ed entrare in contatto con il nostro mare, le nostre comunità di pesca e la ricchezza della nostra biodiversità;

ore 12,00 – “Per non prendere un granchio. Come fare la spesa senza prendere fregature” a cura di Valentina Tepedino, blogger e medico veterinario specializzata nel settore ittico;

ore 13,00 degustazione per tutti. Tortino alice ed indivia a cura della Lady Chef di Anna Maria Palma;

ore 15,00- Presentazione dell’Area Naturale Marina Protetta Secche di Tor Paterno, unica area marina protetta italiana con questa caratteristica; apertura laboratori per bambini da 2 a 12 anni;

ore 16,00 – presentazione del “Garum, il sapore del passato” salsa di duemila anni fa che insaporiva ogni piatto, realizzata con gli scarti del pesce dopo una lunga e sapiente macerazione;

ore 17,00 Talkshow. “Task-Force del mare. Le sfide future per incrementare un consumo ittico sostenibile” e a seguire il “Cottio”, rievocazione dell’asta del pesce che diviene un rito socio culturale;

ore 19,00 – Sow Cooking e Assaggi – Cavatelli con salsa di pannocchie cacio e pepe a cura di Massimo Riccioli, chef patron de La Rosetta di Roma;

Sabato 17 dicembre 2022:

Dalle ore 10,00 e fino alla chiusura delle ore 20,00 – programmazione in loop di documentari e interviste per informare, conoscere ed entrare in contatto con il nostro mare, le nostre comunità di pesca e la ricchezza della nostra biodiversità;

Ore 11,00 – “Come comperare il pesce in modo consapevole tra sostenibilità, prezzo, qualità e sicurezza alimentare” a cura di Valentina Tepedino, blogger e medico veterinario specializzata nel settore ittico;

Ore 13,00 – “Un piatto insieme” Momenti esperienziali di cucina in piazza con degustazione per tutti. Sgombro a carciofi, piatto iconico dell’inverno romano presentato da Anna Maria Palma;

ore 15,00 – Cozze e Vongole Italiane. Eccellenza, cura e visione – Come una cultura dell’allevamento possa offrire elementi di sostenibilità, cura dell’ambiente, altissima qualità e sviluppo locale. Due produzioni biologiche che hanno ottenuto il riconoscimento DOP di prodotto tipico che interessa il Delta del Po e la situazione contingente che sta vivendo. Intervengono esperti del settore, rappresentanti di Istituzioni pubbliche e private; fino alle 17,00: laboratori per bambini da 2 a 12 anni;

ore 17,00 – Evento di chiusura con la partecipazione di personalità politiche, rappresentanti di Istituzioni pubbliche e privati, esperti ed operatori del settore;

A seguire il Cottio

Ore 19,00 – Show Cooking e Assaggi – Fregola con vongole, lupini e crema di pomodoro giallo con erbe fresche e croccante di pane a cura di Massimo Riccioli, chef patron de La Rosetta di Roma.

Per saperne di più www.pesceinpiazza.it

 

Roma: Conferenza Nazionale del XV Forum “Qualenergia” – La risposta delle rinnovabili Un’altra Energia! – Per il clima e la sostenibilità. E per la pace – 29-30 novembre 2022.

Mariagrazia Fiorentino – Foto Donatello Urbani

“Il Forum organizzato da Legambiente, Editoriale Nuova Ecologia e Kyoto Club, ha voluto approfondire con incontri, dossier e faccia a faccia con esperti di settore, docenti universitari e giornalisti le problematiche della crisi energetica e non solo. Due giornate di confronto fra istituzioni, imprese, amministratori pubblici e mondo della ricerca su crisi climatica, transizione energetica e fonti rinnovabili. Un’opportunità per ragionare sui limiti delle risorse, rilancio dell’economia e mobilità sostenibile e fornire indicazioni utili agli operatori di settore. Elementi di riflessione anche per i cittadini, consumatori di energia, nuovi protagonisti delle scelte presenti e future.”

bst

Migliorare e proteggere l’ambiente è stato uno degli scopi di questo interessantissimo convegno, perché la condotta e le azioni degli altri influiscono sulla sopravvivenza di ognuno di noi.

La sensazione è che le cose siano arrivate ad un punto in cui è troppo tardi per fare qualcosa, che la strada già percorsa sia così mal ridotta che non c’è più alcuna possibilità di tracciarne una futura, un po’ diversa; tuttavia c’è sempre un punto sulla strada in cui si può tracciare un nuovo itinerario.

Non si può praticare il galateo a chi pratica il cannibalismo del suolo.

Ulteriori approfondimenti sui siti: www.forumqualenergia.it  www.legambiente.itwww.lanuovaecologia,itwww.kyotoclub.org