NEWS ED EURONEWS

Roma – Il Salone delle Fontane accoglie con ingresso gratuito nel giorno di sabato 27 novembre 2021 l’offerta più completa per chi sceglie la formazione all’estero.

Donatello Urbani

Gran Bretagna, Irlanda, Malta, Spagna, Germania, Francia, Russia, Canada: sono solo alcuni dei Paesi presenti alla seconda edizione del “Il Salone delle Lingue” il 27 novembre 2021 dalle 10 alle 18, in via Ciro il Grande 10/12 a Roma. Le agenzie IALCA (Italian Association of Language Consultants and Agents) e le scuole internazionali offrono un quadro completo in tema di consulenza e sicurezza per gli studi internazionali.

In palio ci sono ben sei soggiorni studio omaggio per chi partecipa alla manifestazione.  Le borse di studio, ciascuna di due settimane di corso di lingue, saranno per l’inglese, lo spagnolo, il francese e il russo.  Verranno estratte a sorte tra coloro  che partecipano al Salone delle lingue: due borse di studio al mattino, due nel pomeriggio, e infine due tra coloro che avranno girato, con il proprio smartphone, un video all’interno della manifestazione per condividerlo con IALCA. Oltre alle scuole e alle agenzie specialistiche, i visitatori potranno partecipare ai Talks, brevi seminari di approfondimento, con  i massimi specialisti di settore, sia per le scuole che per le destinazioni tra cui la Spagna, Malta, Canada. Le conclusioni sono affidate ai rappresentanti delle agenzie di viaggi specializzate: Pina Foti e Paolo Barilari, rispettivamente presidente e vice presidente IALCA. Vi sono poi i corsi di lingua abbinati a sport o attività artistiche e culturali, quelli per studenti della terza età, e gli anni scolastici all’estero. Moltissimi i seminari  rivolti ai docenti e ai dirigenti scolastici. L’entrata al Salone delle Lingue si deve registrare al sito della Ialca cliccando il link: https://ialca.it/salonedellelingue/2021 .

Un ottimo pretesto per un week end dal sapore culturale.

 

 

Fiumicino Aeroporto – ADR – Aeroporti Di Roma – prepara il dopo COVID 19 con la tecnologia. Inaugurata la nuova Sala APOC – “Airport Operations Center”-.

Donatello Urbani

L’“APOC Day”  è stato vissuto dall’aeroporto di Fiumicino il 24 novembre 2021 con l’inaugurazione  della nuova Sala APOC – AirPort Operations Center.  In una superficie di circa 1.900 metri quadrati, oltre 200 tecnici suddivisi in turni che in particolari momenti raggiungono le 120 unità, attraverso  modernissimi sistemi tecnologici, pensati per garantire la continuità operativa anche in caso di criticità ed eventuali attacchi alla cyber security, gestiscono e controllano tutti i principali processi propri delle operazioni di volo partendo dalla gestione dei flussi di passeggeri, bagagli e aeromobili, punti di forza intorno ai quali ruota l’intero sistema. Attraverso la condivisione di indicatori univoci aggiornati in tempo reale, sono ottimizzate la pianificazione e l’efficienza delle operazioni aeroportuali e garantita la necessaria prontezza di risposta ad eventi imprevisti.

Sala APOC 3

Il progetto che ha richiesto cinque anni di lavoro ed un investimento di circa 21 milioni di euro, in parte cofinanziato dalla Unione Europea, ha come obiettivi innovazione e sostenibilità, insieme alla digitalizzazione,  e rientra a pieno titolo sulle strategie di abbattimento dell’inquinamento atmosferico richiesto,  ed in parte legiferato, da varie autorità politiche, non ultima la stessa Comunità Europea.  Quest’infrastruttura rientra, fra l’altro, nell’ambito dei progetti europei SESAR sulla gestione del traffico aereo del Cielo Unico Europeo, come un esempio d’innovazione tecnologica, destinata a rivoluzionare l’approccio delle operazioni aeroportuali.

sdr

Pilastro della strategia  della ADR è proprio la forte digitalizzazione oggi realizzata con l’entrata in funzione dell’APOC – Airport Operation Center – e questo ha trovato conferma nella dichiarazione rilasciata dall’Amministratore Delegato di Aeroporti di Roma, Marco Troncone – “Fiumicino fa un ulteriore passo in avanti nel percorso verso l’aeroporto del futuro: il nuovo centro di controllo integrato APOC, dotato delle migliori tecnologie, consentirà un governo ancor più efficace ed una maggiore resilienza delle operazioni aeroportuali. La componente tecnologica valorizzerà il fattore umano, nel segno dell’integrazione e del coordinamento tra tutti gli operatori aeroportuali, che potranno gestire e monitorare in maniera sinergica tutti i principali processi, dalle operazioni di volo alla gestione dei flussi di passeggeri e bagagli. Un importante risultato nel quadro della strategia di Aeroporti Di Roma fondata su eccellenza nella qualità e sicurezza dei servizi, sostenibilità ed innovazione”. Non lontano appare il giorno in cui si arriverà in aeroporto e dopo tutti i controlli effettuati in tempo reale senza perdita di tempo si sale sull’aero e si parte con il solito “Benvenuti a bordo” che il Comandante rivolge a tutti i passeggeri.