Arabia Saudita – Meta turistica per viaggiatori esigenti amanti dell’arte e della cultura.

Donatello Urbani

Migliore occasione non poteva esserci per una ripartenza turistica del dopo pandemia che presentare mete relativamente nuove, quali l’Arabia Saudita.

dig

Meta questa che rappresenta una vera novità in un contesto relativamente diverso da quelli presenti nelle precedenti proposte, considerando che è stata aperta al turismo solo nel 1998 in tutte le sue molteplici forme: da quello religioso al culturale, dal camping al naturalistico, solo per citarne alcune.

dig

Un’offerta di soggiorni ed escursioni dettagliate sono oggi reperibili nel catalogo di Kel12, decisamente il più attento tour operator italiano nel soddisfare le esigenze e i desideri dei viaggiatori post Covid 19. I notevoli introiti in valuta pregiata derivati dalle estrazioni petrolifere, hanno consentito ai governanti dell’Arabia Saudita investimenti importanti in moderne ed efficienti infrastrutture ed in servizi sociali tali da considerare questa nazione fra le mete meglio disponibili e più aperte al turismo, specie quello di alta classe.

digPer molti anni il turismo nell’Arabia Saudita è stato esclusivamente quello religioso e riservato ai soli fedeli islamici, ed ancor oggi alcune mete quali La Mecca e Medina hanno l’accesso precluso ai non seguaci del Profeta. Malgrado queste limitazioni le mete di maggior interesse che nel loro insieme rappresentano delle vere eccellenze turistiche, sono disponibili ai visitatori che possono cogliere sia testimonianze culturali di antiche civiltà, quella nabatea, oppure balneari con le splendide spiagge del Mar Rosso.

dig

Il pianeta “Arabia Saudita” malgrado si presenti oggi come qualcosa di diverso da quello europeo, può essere considerato un paese chiave per la conoscenza della vita e della mentalità presenti nelle varie realtà che stiamo vivendo.

dig

Per saperne di più consultare il sito web oppure il catalogo del Tour Operator Kel12 presente nelle agenzie di viaggio.

Roma al centro dell’attenzione internazionale con l’88^ Concorso Ippico CSIO – Piazza di Siena – dal 26 al 29 maggio 2022.

Donatello Urbani – Mariagrazia Fiorentino

A 100 anni dal primo evento avvenuto nel 1922 Piazza di Siena si presenta in tutto il suo splendore: luogo unico per le emozioni che sa provocare. Tradizione, sostenibilità e innovazione mettono Roma al centro del mondo ed il cavallo come protagonista.

foto 2

Importanza sportiva e “location” da favola sono il binomio che ha fatto del Concorso Ippico Piazza di Siena un evento di grande richiamo che supera di gran lunga gli stessi interessi sportivi per approdare in quelli generali di economia, turismo, cultura, ecologia e molti altri. La formula di questa edizione 2022, come ricordato dagli organizzatori in conferenza stampa è: “Piazza di Siena per tutti. Nuovamente e finalmente. Dopo lo stop imposto dalla pandemia nel 2020 e l’edizione 2021, andata in scena con le restrizioni previste dalla normativa anti Covid, l’antico ovale nel cuore di Villa Borghese è pronto nuovamente ad accogliere tutti coloro che amano lo sport e vorranno seguire dal vivo la Grande Equitazione dello CSIO di Roma 2022 – Master d’Inzeo. E potranno farlo in forma del tutto gratuita, godendo delle antiche tribune e anche di quelle ‘naturali’ intorno al campo gara. Tutto questo in un’atmosfera che restituisce la sensazione di un vero e proprio viaggio nel tempo, grazie al principio di bioarchitettura a impatto zero che ha come obiettivo quello di ricreare un affresco il più possibile minimalista e simile a quello delle prime edizioni del concorso, incastonate agli inizi del secolo scorso. È proprio in questa chiave progettuale che si è deciso di non prevedere tribune a pagamento, rispettando così il concetto bioarchitettonico del progetto”. Lo sport è base e vertice. Lo sport è salute.

foto 3

Il programma presentato prevede che le categorie dello CSIO saranno il clou dell’evento alle quali si aggiungono le tante gare nazionali, dal torneo Italia Polo Challenge, ai tradizionali e appassionanti Caroselli. Anche per il 2022 il comitato organizzatore – la FISE con Sport e Salute – ha predisposto quattro giornate di grande sport con palcoscenico le ormai consolidate due sedi (ovale d’erba di Piazza di Siena e arena in sabbia del Galoppatoio di Villa Borghese). I tanti appassionati di ippica potranno così seguire da vicino i migliori binomi del jumping internazionale con le nuove leve del salto ostacoli italiano. Lo streaming di tutte le gare in programma (nazionali e internazionali) godranno di ampia copertura televisiva (RAI Sport HD e RAI 2) in aggiunta  all’intensa attività dei social media. Il programma giornaliero della gare è, in dettaglio, riportato sul sito WWW.PIAZZADISIENA.IT .

Anche quest’anno, nella giornata che precede l’apertura del concorso (mercoledì 25 maggio), i protagonisti del torneo sfileranno a cavallo nella centralissima Via Condotti, accompagnati dall’esibizione della Fanfara del IV Reggimento Carabinieri a Cavallo. Un evento che è diventato tradizionale apertura della più attesa settimana sportiva della primavera romana.

Luci di Natale a Roma: Piazza San Lorenzo in Lucina

Mariagrazia Fiorentino – Foto Donatello Urbani

Una tradizione portata avanti da Onorio Vitti, patron dello storico Bar Vitti 1898 che non rinuncia ad abbellire uno dei gioielli della sua città proprio nel cuore del tridente capitolino con eleganza e intelligenza.

sdr

Sorsi e morsi nello splendido locale in Piazza San Lorenzo in Lucina.

L’albero è sinonimo di magia, vuole rappresentare la vita, la luce e la speranza per tempi migliori di quelli che stiamo vivendo. All’accensione dell’albero erano presenti varie autorità cittadine fra le quali, molto apprezzata dal numeroso pubblico, la Banda a Cavallo dell’Arma dei Carabinieri. Un simpatico brindisi  ed un bicchiere di vin brulè hanno concluso la serata.

dav

 

Carpe diem”, non perdete questo evento perché fa bene al cuore e ogni giorno è un n uovo giorno. Inoltre varie manifestazioni sono previste durante le prossime festività.

Per tutte le sue specialità consultare il sito www.vitti.it per conoscere meglio Vitti Il Gran Caffè – Roma

Arte da bere – Le dimore del vino – Progetto per la valorizzazione del vitigno Cesanese presentato all’ l’Enoteca Regionale Vyta, Via Frattina 94 a Roma, lnsieme alla nuova DMO Bibere de arte.

Donatello Urbani
Il progetto si pone come obiettivo raccontare la storia della terra e del territorio attorno alla città di Roma come affermato in conferenza stampa, Inoltre é rivolto a proporre esperienze enogastronomiche, in particolare rivolte al Cesanese, vitigno autoctono rappresentativo del Lazio. In proposito ha dichiarato Pierluigi Cianni, presidente DMO “Bibere de Arte”: “Questo progetto parte dall’idea che Il vino è espressione di diversità e ricchezza per un territorio. Degustando un vino pregiato è facile chiedersi: «Quale storia di questa terra ci sta raccontando?». Nel nostro caso il territorio va da Piglio, capitale del Cesanese, a Valmontone, due città che dedicano grandi eventi al vino (il San Lorenzo Wine Festival a Piglio e Armonie di ottobre a Valmontone) e hanno due dimore storiche da valorizzare come Castello Colonna di Piglio e Palazzo Doria Pamphilj di Valmontone”.

img_9678

Sono stati coinvolti in questa iniziativa 20 enti, 7 pubblici e 13 privati, tra i quali il Comune di Valmontone, il Comune di Piglio, l’Università “La Sapienza” di Roma, Valmontone Outlet, IIS Gramsci di Valmontone, IISP Rosario Livatino Turistico Alberghiero Cave, IPSSEOA Buonarroti Alberghiero Fiuggi, Associazione Culturale Artenova, Associazione Culturale Xenia, rete di imprese dei Castelli della Sapienza, Monti Lepini e Prenestini, rete di imprese di Valmontone città, agenzia di viaggi e tour operator Think Away Viaggi, agenzia di viaggi Wanderlust Viaggi, Enoteca di Piglio, Autoservizi Cerci, Piglio in arte, associazione per la gestione della strada del vino cesanese, azienda speciale servizi integrati comunali, proloco di Valmontone, proloco di Piglio. Presenti all’evento il Presidente DMO Pierluigi Cianni e il direttivo DMO, i partner del progetto, Roberto Cipresso (winemaker di fama internazionale e scrittore), lo chef Paolo Gramaglia (1 Stella Michelin, Ristorante President di Pompei). Testimonial della serata Antonello Fassari.

img_9674

In occasione della conferenza stampa è stato presentato, inoltre, il Tartufo più, progetto lanciato nel 2019 per avvicinare buongustai al mondo del tartufo e far conoscere i segreti di un prodotto d’eccellenza italiano e del Lazio attraverso la degustazione di creazioni realizzate con tartufi “a km 0” dagli chef Stefano Bartolucci di Rosso Divino e Riccardo Cori e Sonia Pontecorvi di Elle et Lui.  Questo ha trovato conferma nelle dichirazioni di Antonella Parodi  – cavatrice di tartufi “Dietro il tartufo, quello che apprezziamo a tavola, c’è molto da scoprire: dall’addestramento dei cani, che deve essere un gioco sia per noi che per loro, ai sacrifici che si fanno per raccoglierlo, spesso sotto la pioggia, con la neve o il freddo che taglia le mani. Perché è vero che è sempre una bella passeggiata nella natura ma fatica e difficoltà non mancano. Vale la pena evidenziare che il Lazio è una delle poche regioni in Italia dove si trovano tutte le 9 specie di tartufo, sia bianco che nero. Purtroppo, negli ultimi tempi, anche il tartufo subisce gli effetti del cambiamento climatico e, unito alla presenza di cinghiali in cerca di cibo, diventa davvero difficile trovarne, se non si hanno cani ben addestrati”.

img_9683

Di grande interesse e capaci di destare curiosità fra i presenti è stato quanto dichiarato da Riccardo Corsi, geometra di Segni,  con la storia della sua tartufaia, impiantata sui Monti Lepini per gioco e con scetticismo nel 2007, che dal 2018 inizia a produrre i primi tartufi e, oggi, ha dato vita ad una piccola azienda familiare. “Ereditai dei terreni da mio nonno – racconta – e volevo metterci i marroni, tipici di Segni. Ma il terreno non era adatto. Sapevo che, in passato, in quella zona si andava a tartufi e così prendemmo una cinquantina di piante e iniziammo a tirarle su. Nel 2018, con piacevole sorpresa, abbiamo iniziato a raccogliere i primi tartufi, lo scorzone estivo, che pian piano sta entrando a pieno titolo a far parte delle attività dell’azienda agricola “Il Tartufo Lepino” di Fagiolo Francesca, che mette insieme il tartufo al marrone di Segni e, insieme,  stanno offrendo belle soddisfazioni”.
L’insieme di queste eccellenze territoriali offrono un valido richiamo per un turismo naturalico di alto livello grazie alle produzioni agricole, specie per il tartufo,  che sono possibili solo dove é presente un territorio incontaminato scevro da qualsiasi inquinamento atmosferico.

Montalto delle Marche (AP) – Ricorda il quinto centenario della nascita di Papa Sisto V^ – Felice Peretti – con una mostra che pone a confronto l’illustre concittadino con Pericle Fazzini dal 13 dicembre 2021 al 30 giugno 2022.

Donatello Urbani

L’esposizione  dal suggestivo titolo: “Sisto V e Pericle Fazzini Gloria e Memoria”, nata da un’idea di Vittorio Sgarbi e Daniela Tisi che sono anche i curatori insieme a Roberta Serra e Alessandro Masi, intende fare un parallo fra due figure molto diverse fra loro: un Papa visionario e uno dei maggiori scultori italiani del Novecento.

Ritratto Sisto V^ - Anonimo

                                                                              Anonimo – Ritratto di Papa Sisto V^: Felice Peretti

Apparentemente distanti, Sgarbi per nostra fortuna ci ha abituato ad abbinamenti impossibili, hanno a ben vedere molto in comune. Nascono entrambi a Grottammare –Sisto V nel 1521 e Fazzini nel 1913 –, entrambi, come scrivono i curatori,  operano a Roma ma non abbandonano mai le loro radici e l’amore per la terra natale, e si dimostrano molto legati al borgo di Montalto delle Marche -sede principale della mostra -città d’origine della famiglia di Sisto V, che lui stesso definì “Patria carissima”.

Al lavoro                                                                                                   Pericle Fazzini nella sua atelier

L’esposizione si inaugurerà  il 13 dicembre prossimo, giorno in cui 500 anni fa nasceva Felice Peretti, quel papa Sisto V^ che nel seppur breve pontificato (1585-1590) diede un forte impulso, tra le altre cose, alle arti e alle opere pubbliche -tanto da essere definito l’Urbanista di Dio – non solo a Roma, ma anche in altre città marchigiane, come nel piccolo borgo di Montalto delle Marche che ancora oggi porta i segni del suo operato e della sua grandiosa visione.

Monumento a Sisto V^                                                     Montalto delle Marche: Monumento a Papa Sisto V^ realizzato da Fazzini nel 1985

La mostra “Sisto V e Pericle Fazzini Gloria e Memoria” si apre idealmente con quel Monumento a Sisto V progettato da Pericle Fazzini per la città di Montalto delle Marche tra il 1984 e il 1985 che ancora oggi svetta nel borgo ed è l’orgoglio dei cittadini, come spiega Vittorio Sgarbi: “L’idea di collegare Sisto V a Pericle Fazzini è legata a un’occasione anch’essa celebrativa e cioè il monumento dedicato a Sisto V, l’ultima opera marchigiana realizzata da Fazzini, di invenzione aerea, concepita da un artista che ha voluto rappresentare l’anima del Papa più che la sua opera e quindi appartiene ad un momento e ad un’epoca, parliamo del 1986, in cui la grande stagione di Fazzini era al suo culmine. Lentamente poi, questa personalità, che era stata così emergente anche per essere collegata a importanti personalità dell’arte e della poesia del ‘900 come Ungaretti, a cui forse si deve il ritratto più significativo del poeta, sembra essere dimenticata”.

Ragazzo con gabbianoOnda

 

 

 

 

 

 

 

 

 

       

  Pericle Fazzini: “Onda”                                                                                                                       Pericle Fazzini: “Ragazzo con i gabbiani

Uno stretto rapporto, infine, lega l’artista Fazzini con la spiritualità e come trasformando “la materia in qualcosa di vivo arriva fino a noi,…” come spiega Daniela Tisi. Fra le sue opere primeggia la celebre Resurrezione della sala Nervi, in Vaticano, voluta da Papa Paolo VI in chiusura del Concilio Vaticano II e inaugurata nel 1977. Ogni opera, come scrivono i curatori, “ racconta e rappresenta il dualismo tra spirito e materia sotteso in tutta la produzione dello scultore, a cominciare dal Ragazzo con i gabbiani(1940-1946), tutt’ora installata nella passeggiata marittima di Grottammare, presente in mostra con un bozzetto in legno e disegni preparatori, e ancora le figure femminili, la serie delle Onde del 1968, e quelle opere intrise di “sensibilità francescana” che raccontano la vita del Santo”.

Onda 1982I miei sandali sulla spiaggia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pericle Fazzini: “I miei zoccoli sulla spiaggia”                                                                    Pericle Fazzini: “Onda” – !982

L’intero percorso espositivo accoglie non solo sculture, ma anche grafica, i pastelli degli anni Settanta e Ottanta tra cui spicca “I miei zoccoli sulla spiaggia”, del 1982, e infine uno studio su carta e un bozzetto in bronzo inediti relativi al Monumento a Sisto V che rappresentano“la conclusione del suo percorso attraverso gli itinerari del sacro e della natura” come scrive Roberta Serra. La mostra Sisto V e Pericle Fazzini Gloria e Memoria vuole rendere omaggio a questi marchigiani illustri, l’artista Fazzini e il Pontefice Sisto V^ celebrato nel cinquecentenario della sua nascita. Non solo, l’esposizione rappresenta anche l’occasione, partendo proprio da Montalto, di scoprire la presenza di Sisto V tra le province di Ascoli Piceno e Fermo, in un percorso fatto di luoghi, opere ed evidenze monumentali tutte da visitare e che si snoda tra Grottammare, Montalto delle Marche, Fermo e all’interno dei Musei sistini del Piceno.

unnamed Resurrezione                                                     Roma – Stato Città del Vaticano – Aula Paolo VI^: Pericle Fazzini “Resurrezione”

A  completamento del percorso turistico/culturale nelle terre di Papa Sisto V^, è di grande importanza quanto segnalato dalla news letter “Turismo News”, n.684 di Unionturismo che viene trascritto per intero:

VIAGGIO STRAORDINARIO FRA I MUSEI DELLE MARCHE. La chiusura dei musei, resa necessaria per contenere la diffusione del contagio da COVID 19, oltre a causare danni economici e sacrifici occupazionali, impedisce la produzione e la fruizione di valori che mai come in questo momento costituirebbero strumenti di pubblica utilità e conforto, più che occasione di semplice godimento. Per questo, in un momento eccezionale dove è preclusa la fruizione culturale nelle forme tradizionali, la Regione Marche, la Fondazione Marche Cultura e Icom Marche si sono fatti interpreti del mondo delle attività culturali e, in particolar modo del sistema dei musei marchigiani, dando loro voce con nuovi percorsi della conoscenza, grazie a una rappresentazione digitale del patrimonio culturale marchigiano attraverso oltre 60 clip video condivisi sui canali social della Regione Marche e sul blog www.destinazionemarche.it. Queste 60 clip, prodotte da più di 30 musei, ma anche da comuni ed enti culturali marchigiani, hanno una durata di circa due minuti e sono visibili sui canali social della Regione Marche: in una playlist dedicata sul canale Youtube Marche Tourism, sulle pagine Facebook Marche Tourisme Tesori delle Marche, sull‟accountTwitter Marche Tourism, e sul blog della Regione. www.europejournal.eu a firma Mariagrazia Fiorentino

Roma – Il Salone delle Fontane accoglie con ingresso gratuito nel giorno di sabato 27 novembre 2021 l’offerta più completa per chi sceglie la formazione all’estero.

Donatello Urbani

Gran Bretagna, Irlanda, Malta, Spagna, Germania, Francia, Russia, Canada: sono solo alcuni dei Paesi presenti alla seconda edizione del “Il Salone delle Lingue” il 27 novembre 2021 dalle 10 alle 18, in via Ciro il Grande 10/12 a Roma. Le agenzie IALCA (Italian Association of Language Consultants and Agents) e le scuole internazionali offrono un quadro completo in tema di consulenza e sicurezza per gli studi internazionali.

In palio ci sono ben sei soggiorni studio omaggio per chi partecipa alla manifestazione.  Le borse di studio, ciascuna di due settimane di corso di lingue, saranno per l’inglese, lo spagnolo, il francese e il russo.  Verranno estratte a sorte tra coloro  che partecipano al Salone delle lingue: due borse di studio al mattino, due nel pomeriggio, e infine due tra coloro che avranno girato, con il proprio smartphone, un video all’interno della manifestazione per condividerlo con IALCA. Oltre alle scuole e alle agenzie specialistiche, i visitatori potranno partecipare ai Talks, brevi seminari di approfondimento, con  i massimi specialisti di settore, sia per le scuole che per le destinazioni tra cui la Spagna, Malta, Canada. Le conclusioni sono affidate ai rappresentanti delle agenzie di viaggi specializzate: Pina Foti e Paolo Barilari, rispettivamente presidente e vice presidente IALCA. Vi sono poi i corsi di lingua abbinati a sport o attività artistiche e culturali, quelli per studenti della terza età, e gli anni scolastici all’estero. Moltissimi i seminari  rivolti ai docenti e ai dirigenti scolastici. L’entrata al Salone delle Lingue si deve registrare al sito della Ialca cliccando il link: https://ialca.it/salonedellelingue/2021 .

Un ottimo pretesto per un week end dal sapore culturale.

 

 

Roma – L’ottava edizione di Excellence alla Nuvola accoglie il “Gelato World Heritage”

Donatello Urbani

I migliori gelati con i relativi maestri gelatieri si sono confrontati sabato 13 novembre in una gara internazionale nella prestigiosa location del Congress Center La Nuvola, durante la manifestazione Excellence Food Innovation, arrivata ormai all’ottava edizione. In gara  ben otto paesi del mondo: Arabia Saudita, Bulgaria, Cina, Egitto, Giappone, Thailandia e Uzbekistan e l’Italia  fuori gara con un team di nomi prestigiosi: Pennestrì, Morrone, Giolitti, Leone e Ravese.

dav

La competizione per far assaggiare i migliori gelati, espressione di genuinità e di eccellenza di un prodotto tra i più diffusi al mondo, si é svolta di fronte ad una giuria tecnica e della stampa, che dopo aver assaggiato i vari gusti hanno assegnato i premi. Un grande  trionfo é stato ottenuto dalla Cina per il miglior gelato al Sorbetto di litchi profumato al pepe verde di sichuan e zenzero con crumble di semi di girasole mandorle e sesamo nero salsa al The verde e liquore al bambù e perle di occhi di drago.

unnameddav

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il podio del miglior gelato del mondo fatto a squadre, ciascuna delle quali con la partecipazione di esperti gelatieri italiani, ha visto al secondo posto la vittoria del Giappone e al terzo dell’ Uzbekistan. Il Giappone con il suo HOJICHA”, un gelato ottenuto dall’infusione con latte non alterando la qualità ed i sentori di uno dei più antichi the della tradizione giapponese nato i primi del 900, ha risvegliato antichi sapori al palato dei più esigenti. Stessa sensazione che si è sprigionata con “Le vie della seta”, che ha ottenuto il terzo posto, grazie al loro sorbetto al melone uzbeko con mandorla vestita di uva nera e sorbetto al melograno con crumble di albicocche essiccate e mandorle e fior di zafferano e miele di cotone con noci caramellate.“Siamo felici di poter finalmente organizzare il Gelato World Heritage dopo lo slittamento, causa Covid, dell’edizione 2020 all’interno della magnifica cornice del Congress Center La Nuvola durante la manifestazione Excellence Food Innovation – spiega Claudio Pica, Segretario Generale Associazione Italiana Gelatieri – Vogliamo dare un messaggio, oltre che di pace e scambio culturale, anche di ripartenza. Bisogna far ripartire tutta la filiera e aprirsi a nuovi mercati esteri. L’internazionalizzazione deve essere l’input per creare business e per valorizzare sempre di più l’eccellenza che rappresenta il gelato artigianale italiano. Organizzeremo anche dimostrazioni e degustazioni nell’area Gelato Experience gestita dall’Associazione Italiana Gelatieri, il cui programma si aprirà con una demo a cura del Campione del Mondo di gelateria Eugenio Morrone”. Contatti Associazione – https://www.associazioneitalianagelatieri.it/ – Via del Circo Massimo 9  – 00153 Roma  -Tel. 06. 57288854

davdav

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A questa manifestazione, la più importante della giornata,  sono seguite altre presentazioni quali le offerte di vari produttori delle loro eccellenze agricole, fra queste l’Azienda Agricola Paniccia di Anzio – Via Cipriani, 31 Tel.3298061960; email aziendaagricolapaniccia@gmail.com . Interessanti anche le offerte di prodotti per la ristorazione fra i quali Deliveristo – www.deliveristo.com – tel. 3423991540 nonche di vari enti come EBTL – Ente Bilaterale Turismo Lazio – per la fornitura di servizi a favore dell’intero settore turistico; per concludere con il battesimo della  guida dell’editore romano Pecora Nera frutto di una collaborazione con la Regione Lazio, Campagna amica, CAR: Centro Alimentare Romano ed alcuni privati.

Treia (MC) ospita dal 21 al 24 ottobre 2021 la 3° edizione della Borsa del Turismo del Centro Italia – MULA (Marche – Umbria – Lazio – Abruzzo)

Donatello Urbani

“Enogastronomia e cultura danno forma e sostanza al nuovo turismo post covid”. Può essere questo lo slogan che caratterizzerà la 3^ edizione della Borsa MULA dal 21 al 24 ottobre p.v. nella cittadina di Treia, provincia di Macerata, voluta da vari Enti Pubblici – capofila l’Amministrazione Comunale e la Regione Marche –  con un respiro talmente ampio da oltrepassare i classici confini regionali.

sdr                                                                        Treia (MC) – Scorcio della piazza principale con il Palazzo Comunale

Deus ex machina, Luigi Settembretti, fra i più efficienti promotori turistici nazionali, validamente coadiuvato dal figlio Edoardo. “L’Italia, per nostra fortuna, è un grande bacino enogastronomico accompagnato da un Museo Diffuso su tutto il territorio, purtroppo non sempre dotato d’infrastrutture efficienti che consentano rapidi e facili spostamenti da una località all’altra”, parole della guida Stefania Stefanelli – general manager Enjoy Marche Italy – www.enjoymarcheitaly.com – che ci accoglie non appena discesi dal treno. Questa carenza ha suggerito nuove forme di turismo lento e compatibili con le infrastrutture presenti proponendo turismi quali i “Biking” – “Trekking” – “Climbing” – “Equestre” – “Naturalistici” – insieme a molti altri e tutti disponibili per piccoli gruppi, famiglie o singole persone. “Il progetto, nato per ridare ossigeno alle zone del terremoto, trova ad oggi una grande attualità, vista la necessità di una ripresa post-pandemia. Un’occasione importante per fare sistema e capire insieme agli operatori la giusta via da intraprendere per creare nuove opportunità di ripresa” è quanto affermato dall’Assessore al Turismo del Comune di Treia, Sabrina Virgili che per l’occasione veste i panni di capitale del turismo dell’Italia Centrale. Proprio il territorio assume in questo progetto il ruolo di primo protagonista e facendo perno sul capoluogo comunale, “Treia”,  raggiunge le molte eccellenze offerte ai turisti.

davdav

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gioielli realizzati da Roberto Cola. Il cammeo sulla destra è esposto sopra una copia in scala del Bracciale di Legno usato nel Gioco

Di grande interesse gli incontri con alcuni artigiani, ultimi testimoni di un arte e una cultura che se non protetta è destinata a sparire in breve tempo. Roberto Cola è un orafo – www.colacreazioni.com.  Il suo negozio, vetrina e laboratorio, si trova sulla via principale – Corso Italia Libera, n.15 – ed  è lì che con una malcelata modestia riceve i clienti con i quali tiene a scambiare idee e presentare le sue realizzazioni. Treia, già Trea in epoca romana e Montecchio nelle successive, è nota come “Città del Gioco del Pallone con il Bracciale”, rappresentazione storico/sportiva che affonda le sue radici in epoca medievale e ricordata ogni anno negli ultimi giorni di luglio e primi di agosto. A questa manifestazione è stato dedicato un museo che insieme a quello Archeologico, al Teatro Comunale, Villa Spada e l’Accademia Georgica con la sua preziosa biblioteca, quest’ultimi saranno agibili quanto prima, al termine dei lavori di consolidamento post-terremoto.

davdav

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                   Reperti archeologici esposti nel Museo di Treia

Di non minor interesse la vicina Recanati, città natale di Beniamino Gigli, uno dei massimi interpreti della musica operistica e “natio borgo selvaggio” di Giacomo Leopardi, entrambi presenti nella città con preziose testimonianze culturali, fra le quali spicca per interesse culturale la biblioteca di Palazzo Leopardi e il Museo Gigli, allestito con i cimeli dell’artista proprio sopra il Teatro Comunale e la monumentale cappella funeraria nel locale cimitero.

sdrsdr

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

          Recanati – Strada del centro storico – Sulla destra il Polittico di San Domenico realizzato da Lorenzo Lotto per l’omonima chiesa

Da non perdere assolutamente una visita  alla Pinacoteca, che insieme alla sezione Archeologica e allo spazio mostre costituiscono i musei Civici, dove sono esposte interessanti opere pittoriche quali l’Annunciazione e lo spettacolare Polittico di San Domenico, entrambe opera di Lorenzo Lotto. Altrettanto affascinante è la Pinacoteca Civica di San Severino Marche dove é possibile ammirare insieme a opere di Pinturiccio, dell’Alunno ed altri importanti artisti rinascimentali, un ciclo pittorico sulla vita di San Giovanni Evangelista realizzato dal fratelli Salimbeni, Lorenzo e Jacopo, nonche opere dei fratelli Crivelli quali il polittico che Vittore Crivelli realizzò nel 1482 per la Chiesa di Santa Maria delle Grazie, oggi Santuario San Pacifico.

davdav

 

 

 

 

 

 

 

 

  

           San Severino Marche: Affresco di Lorenzo Salimbeni e polittico di Vittore Crivelli entrambi esposti nella Pinacoteca Civica

In quasi tutte le cittadine marchigiane sono presenti musei che conservano le più svariate testimonianze della vita civile e culturale locale e ben oltre 100 Teatri Comunali,  tutti risalenti dal XVII secolo in poi, dove la cultura in prima persona incontra la popolazione, non solo locale. Lo Sferisterio di Macerata, con la sua annuale stagione operistica, occupa la prima posizione di questa impropria classifica. Compagne insepaparabili di tutto questo sono l’enogastronomia e la preziosa quanto saporita arte culinaria entrambe fedeli testimoni di molteplici prodotti agricoli.

davdav

 

 

 

 

 

 

“La cucina non esprime solo sapori” mi dice Edoardo Settembretti, cuoco formatosi all’Accademia Italiana di cucina, “nei piatti che ci vengono offerti sono nascosti i sapori e i saperi d’innumerevoli generazioni che hanno posto le loro intelligenze ed i loro ingegni nel realizzarli in modo da renderli graditi e apprezzati sia ai contemporanei che alle generazioni future”. Premessa importante per quanto ci riservano i ristoranti locali incontrati nel corso delle nostre escursioni.

davdav

 

 

 

 

 

 

 

Confezioni di olio extravergine di oliva Gabrielloni                                        Cantina d’invecchiamento vini prodotti dalla Tenuta Murola

Sostare e prenotare una visita al frantoio Gabrielloni di Recanati – Via Montefiore tel.0733.852498 – così come una degustazione di vini alla Tenuta Murola – Contrada Villamagna, 9; Urbisaglia; tel.0733.506843, al piacere offerto da ottimi prodotti agricoli si aggiunge quello d’incontrare produttori agricoli amanti della terra e del piacere di coltivarla nell’intento di realizzare delle vere e proprie eccellenze.
Ma l’Italia la conosciamo veramente? Abbiamo visto che mentre siamo disposti a sobbarcarci a fatiche incredibili per vedere un’antico muro a migliaia di kilometri, a volte, non ci accorgiamo che a pochi metri da noi c’é uno spessore di storia, una ricchezza d’arte e una civiltà che ci ha generato.
Per maggiori informazioni www.borsamula.it – www.insidemarchelive.it – e-mail: borsacentroitalia@gmail.com – tel.Cel: +39 328 1583377

Rieti: Un museo diffuso che non ti aspetti

Mariagrazia Fiorentino – Foto Donatello Urbani

Per una città limitrofa la convivenza con Roma, sia pure limitata al turismo, non sempre è cosa facile. Una metropoli quale Roma, carica di storia e preziose testimonianze di arte e cultura, fagocitare i vicini rientra nel gioco delle parti. Non molto è cambiato nella confinante sabina nel corso dei millenni dal “Ratto delle sabine” fino alle ultime iniziative di Roma Capitale. Perspicacia ed ingegno non hanno mai fatto difetto ai Reatini, diretti discendenti dei Sabini. Ultima iniziativa nata dall’interessamento della Camera di Commercio di Rieti Viterbo con il supporto dell’Azienda Speciale Centro Italia Rieti, è l’apertura del territorio e della città alle testimonianze di arte e cultura in modo da rendere il tutto un vero e proprio “museo diffuso” valorizzando il turismo lento nel capoluogo reatino e lungo il Cammino di Francesco nell’ambito del progetto “PID – Punto impresa digitale”, che ha unito la tradizione all’innovazione rappresentata da un viaggio virtuale nella Rieti medievale.

IMG_20181016_110226

“RIattivati”, un’associazione culturale sorta a Rieti nel 2019 grazie ad un gruppo di giovani cultori di arti e culture locali, ha posto in essere una serie di visite guidate e  percorsi tematici, anche virtuali, digital storytelling ed eventi culturali, con l’intento di valorizzare le bellezze e le attività turistiche del territorio reatino. “Rieti è la città dell’acqua”, precisa la mia guida Marco Franceschini nel percorso di trekking urbano lungo Km.6 circa e privo di qualsiasi difficoltà, che insieme affrontiamo. Possibile anche utilizzare i nuovi monopattini elettrici.

IMG_20181016_105446

“In antico le attività molitorie, dalla macinazione di prodotti vari dal grano, al mais e alle castagne, per giungere alla gastronomia dove ancor oggi, i primi piatti di pasta fatta in casa e artigianale costituiscono vere e proprie specialità, hanno lasciato  il posto alla canoa, rafting, anche a livello competitivo, ma principalmente a interessanti percorsi naturalistici lungo il fiume Velino.

 

dav

dav

 

 

 

 

 

 

 

 

Due specialità della gastronomia reatina – crèpe con ricotta, lime e menta – stracci antrodocani – proposte dal Centro Enogastronomico/trattoria “Le TRE porte”-Via della Verdura,21/25 -Rieti – tel. 0746.272416 – info@cxampagnasabina.it

Storia, arte, architettura e vicende militari sono gli altri temi che con abilità e maestria sono stati trattati dalla guida lungo il percorso urbano tutt’oggi  ricco di presenze archeologiche, artistiche, architettoniche e resti di antiche fortezze, torri e fortificazioni militari trasformate in abitazioni.

IMG_20181016_110524

                             Rieti – Il nuovo ponte sul fiume Velino che ha sostituito il precedente romano e cui resti sono visibili in basso 

“Medievalis riscoperta” è il virtual tour che conclude questa interessante visita museale. Il giovane architetto Giacomo Nicolò, promotore di questa bella iniziativa, si ripropone di presentare in cinque diversi approfondimenti: “Ponte Romano”, “Strata Pontis”, “Verso la città medievale”, “Insula Episcopalis” e “Il nuovo volto della città”, con, sue parole,”…un nuovo percorso di visita della città di Rieti, volto al recupero delle sue radici storiche medievali. Grazie alla ricostruzione di scenari in realtà virtuale ed il supporto d’innovativi contenuti  multimediali si può rivivere un’esperienza unica ed immersiva a 360°, avvolti nell’atmosfera dei secoli d’oro di Rieti”. La partecipazione deve essere prenotata. Costo €.10,00 a partecipante per gruppi di 8/10 persone.

Giotto_Presepe_di_Greccio900x600

              Assisi – Giotto di Bondone – Basilica superiore – Il Presepe di Francesco a Greccio allestito nella notte di Natale del 1223.

Sarà un anno speciale per Rieti il prossimo 2023. “E’ stato costituito un Comitato” parole dell’Assessore Comunale Daniele Sinibaldi, “con il compito di programmare una serie d’iniziative che ricordino e diano giusto risalto all’800^ compleanno del Presepe realizzato da San Francesco a Greccio” cittadina dell’immediato interland di Rieti. I valori culturali, essenzialmente naturalistici,  insieme a quelli religiosi,  propri della grande sensibilità di Frate Francesco sono alla base dell’evento “Presepe Vivente” che a partire dalla vigilia del Natale del 1223 viene ricordato e che trovano in questa valle reatina il grembo da cui sono nati alla stregua di una vera e propria madre. Una bella occasione per i turisti motivati di leggere in un nuovo linguaggio pagine di cultura proposte da un sorprendente museo diffuso.

Per saperne di più consultare il sito www.visitrieti.it. Per informazioni e prenotarsi alle attività dell’Associazione Culturale RIattivati info@riattivati.org – riattivati.org – tel.+39.347.3316549

Sbarca a Roma – Piazza Santa Maria Ausiliatrice – Tuscolana 7-8-9-10 ottobre 2021 la V Edizione dell’ International Street Food 2021

Un appuntamento per tutti i buon gustai muniti di green pass, ma soprattutto affamati per vivere un fine settimana all’insegna dell’alta cucina itinerante, che porta con sé tutti i profumi ed i sapori dei piatti più famosi della tradizione regionale ed internazionale. Si tratta, infatti, della più importante manifestazione di street food esistente in Italia, organizzata da Alfredo Orofino.  Le prelibatezze sono cucinate tutte  dagli chef su strada che con caparbietà e orgoglio propongono i loro street food, all’insegna di tutti i cibi migliori di strada. In questa tappa ci saranno 25 stand, 20 di food e 5 di birra.

STREEZT FOOD 2

Sarà possibile assaggiare gli arrosticini abruzzesi, le bombette pugliesi, il lampredotto toscano, il coppo di pesce napoletano, le prelibatezze dell’hamburgheria gourmet italiana, tutta carne italiana come la scottona e la chianina, la puccia pontina proveniente da Latina, la cucina messicana, quella argentina, quella greca e la paella valenciana. Saranno presenti anche un truck con prodotti siciliani provenienti da Palermo, con gli arancini, il pane ca’meusa, i cannoli, la cassata e un banco pugliese con le orecchiette di grano arso, la burrata ed il famoso dolce pasticciotto, il tutto proveniente da Lecce. Non mancheranno, oltre ai birrifici italiani, anche quelli stranieri provenienti dalla Repubblica Ceca, dall’Inghilterra e dalla Germania.Un appuntamento culinario di grande originalità per le cucine internazionali presenti, non tralasciando mai l’attenzione alle realtà gastronomiche regionali provenienti da tutta Italia.

STREET FOOD 4

Eccellenza, originalità, tradizione e pulizia sono le parole d’ordine per ogni tappa di questo festival. Nello stesso posto è possibile gustare prodotti di paesi diversi, di posti lontani ed essere avvolti da tanti profumi e sapori.Ci teniamo a ricordare che il tutto è organizzato seguendo tutte le normative a tutela della sicurezza e della salute di chi vorrà immergersi in questa gustosa esperienza.

Dopo Roma, il mese di ottobre sarà poi ricchissimo di appuntamenti

Roma – Piazza Santa Maria Ausiliatrice (Tuscolana) dal 7 al 10 ottobre 2021 (giov. e ven. dalle ore 18,00 sab. e dom. dalle ore 12.00).